6 modo insolito per coltivare patate

Questo metodo quasi un secolo, la paternità appartiene allo scienziato russo ovoschevodu Rytov. Fece un letto, un po compattazione del terreno e posto sulla superficie del tubero, leggermente spingendoli nel terreno. Sulla parte superiore dei tuberi sono coperti da uno strato di paglia tritata umida 15 — 20 CM.

Hilling non è necessario — i tuberi ben formati in uno strato di paglia.

Se si aumenta il livello di paglia a 25 cm di lunghezza e coprire la pellicola a tenuta di luce, a sbarazzarsi della comparsa di erbacce. Quando i germogli raggiungono il film, è necessario eseguire i fori per loro.

Questo metodo permette di aumentare la resa di circa la metà. Dig una profondità di scavo di 20 — 25 cm e una larghezza di 30 cm, la distanza tra le scanalature -. 70 centimetri in basso è collocato uno strato di massa organica (foglie dell’anno, erbacce, paglia, segatura e così via D.), E poi — uno strato di compost o terreno ricco, più qualsiasi complesso fertilizzante per le patate.

Tuberi Top germinati sono posti e coperti con strato di terreno di 2 — 3 cm.

Terra inutilizzata va alla formazione delle creste. Atterraggio pellicola porto.

E ‘un modo per ottenere un sacco di tuberi con una zona molto piccola. L’essenza di esso a scavare una profondità del foro di non meno di 40 cm nella parte inferiore del cuscino per rendere compost 7-8 cm messo sulle sue grandi tuberi sani e coprire lo spessore dello strato di compost di 9 -. 10 centimetri quando le piantine raggiungono 2 — 3 cm loro cospargere di nuovo nello stesso modo. E così viene ripetuto più volte.

Alla fine della stagione di crescita si buca piena di tuberi! Alcuni giardinieri riescono a raccogliere più di un raccolto un secchio «barile».

È possibile tracciare le patate in uno schema a scacchiera. Quando le piantine del loro sonno nello stesso letto di compost e di tuberi piantati pavimento. Questa operazione è stata ripetuta 4 — 5 volte necessario comprimere leggermente.

Harvest rimosso gradualmente, iniziando con l’ultima volta che semina.

Share →