Difterite

Parola « difterite » ora perduto per noi il senso formidabile che è stato riempito con molte generazioni precedenti. Dopo la malattia era rara, e la maggior parte dei giovani genitori di oggi non c’è bisogno di sentire che qualcuno è malato di difterite. E se è così, si dice, non può valere la pena di fare la vaccinazione preventiva?

Davanti a me una storia di cinque anni della malattia Sergei, la cui madre ragionato in questo modo e ha rifiutato la vaccinazione. In una mattina d’autunno bambino è malato — Mi sono svegliato prima del solito, pallido e molle, non mangiare la prima colazione, girai un giocattolo preferito, si è lamentato che aveva mal di testa e la gola. La temperatura era alta — 39°.

All’incirca nello stesso periodo, non ha avviato un mal di gola, così la famiglia ha deciso di: a meno sciacquare con latte caldo, tè con miele.

La sera, indossare pigiami, bambino, sua madre si accorse che il pulsante in alto non viene fissato: collo gonfio. Il suo viso sembrava gonfio. E il giorno dopo ancora consultare un medico.

I record che ha fatto dopo l’ispezione, molti esperti dicono: un film solido a cantare sulle tonsille, ingrossamento dei linfonodi cervicali, gonfiore del collo, intossicazione generale. Tutti questi sono segni di difterite.

Il bambino è stato portato in ospedale immediatamente. C’è la diagnosi è stata confermata, il trattamento iniziato immediatamente. Ho dovuto usare tutto l’arsenale di mezzi moderni—grandi dosi di siero antidifterico, soluzioni infusione endovenosa, ridurre la tossicità, preparati ormonali. L’unica cosa che ha salvato la vita del ragazzo, ma le complicazioni gravi non possono essere evitati.

E per affrontare la madre al medico anche più tardi — e il risultato potrebbe essere fatale.

Non c’è da stupirsi difterite volta chiamato «mal di gola mortale» e «cappio del boia». L’agente eziologico della malattia (in nomenclatura moderno — tossigeno difterite Corynebacterium) trasmesso tramite goccioline in sospensione nell’aria. Una volta nel corpo, il microbo colonizza rapidamente le mucose: il luogo preferito della sua posizione — tonsille.

Condizioni particolarmente favorevoli per la riproduzione difterite vengono create quando le difese locali sono indeboliti, come è il caso di tonsillite cronica e altre malattie croniche rinofaringe.

Sulla superficie della mucosa del prodotto di scarto accumulati del microbo — tossina difterica. Sotto l’influenza di enzimi tissutali che avvelenano divide in fazioni, una delle quali penetrato in profondità nelle cellule, interrompendo la sintesi di proteine ​​in esso. In altre parole, uccide la cellula.

Da allora, la crescente valanga di eventi tragici. Die cellule diventano un terreno fertile per l’agente patogeno, che proliferano, produrre nuove porzioni della tossina.

A seconda della posizione del fuoco infiammatoria distinguere difterite faringe, la laringe, naso. Ci sono altre forme più rare. A volte sono combinati — partendo, per esempio, nella gola, o il naso, e si estende alla laringe. Difterite laringe terribile che formano una pellicola densa, edema della mucosa, laringe spasmo dei muscoli può causare fatale soffocamento (qui è, «cappio del boia»!).

Più ampia è la messa a fuoco infiammatorio, maggiori sono le tossine accumulate, più veloce è la degradazione. Quando fulmini forme tossiche a disposizione del medico durante un paio d’ore, al fine di chiarire la diagnosi e iniziare il trattamento.

Il fatto che il siero neutralizza la tossina difterica non è ancora associato con il tessuto del corpo, e si ferma lo sviluppo di un focus infiammatoria locale. Ma la tossina che è già riuscita a penetrare nell’interno delle cellule, la sua azione non è disponibile. Quanto sono affidabili sfuggito criminale, continua la sua opera distruttiva, e quando le manifestazioni visibili della malattia scompaiono, e si sentono come migliorare un bambino affligge gravi complicazioni — malattie cardiache, malattie renali, paralisi.

Sergei, per esempio, ha sviluppato miocardite, e lui è stato dimesso dall’ospedale solo due mesi più tardi.

La gravità della difterite, in pericolo di vita pone, scienziati e medici sono costretti a insistere sul fatto che tutti i bambini hanno ricevuto un ciclo completo di vaccinazioni. Non lasciare il bambino senza protezione contro la difterite! L’esperienza ha dimostrato che i bambini che vengono vaccinati, non si ammalano o subiscono malattie facilmente.

Ma per la difterite non vaccinati pericolo reale nel nostro tempo. I più bambini non vengono vaccinati, maggiore è la probabilità di infezione, maggiore è il rischio di infezione.

La peculiarità della moderna situazione epidemiologica è che ci sono stati pazienti che portano l’infezione molto facilmente senza sintomi specifici senza complicazioni, come al solito angina. So sick bambino o adulto vaccinato, che è parzialmente l’immunità contro la difterite conservato. La malattia rimane non identificato, soprattutto negli adulti, che a volte non hanno nemmeno andare dal medico. Il paziente è stato ricoverato in ospedale e il suo entourage ha formato una fonte enorme di infezione, come le persone che sono a stretto contatto con lui, troppo, possono diventare portatori di difterite microbo. E se il bambino ottiene tale centro, che non deve essere vaccinato, si ammala, di regola, molto difficile

Ora sempre più ha cominciato a registrare la difterite tra gli adulti. Dopo la vaccinazione il sistema immunitario, causando l’infanzia, persiste per circa 10 anni, e poi un adulto rimangono senza protezione contro questa infezione.

Aumento del rischio tra gli adulti di età compresa tra 35 persone — 50 anni, e si possono abbinare difficile, soprattutto nei casi in cui il trattamento è iniziato in ritardo.

Per questo motivo dal 1986, introdotto adulti rivaccinazione. Si terrà ogni 10 anni (da 26 anni), insieme con il tetano rivaccinazione

Per la prevenzione della difterite è un trattamento molto importante e attento delle malattie croniche del rinofaringe, tonsillite soprattutto cronico. Queste malattie non solo riducono la resistenza contro la difterite, ma contribuiscono anche a lungo difterite vettore microbo, e quindi la diffusione dell’infezione.

Share →