Invia auguri vocali da Giornata internazionale della donna

Invia auguri vocali da Giornata internazionale della donna

Congratulazioni

Giornata internazionale della donna!

Lascia che sia il tuo stato d’animo

Sempre fioritura come il lilla,

Lasciate che la vostra vita sarà bello,

Cartoline vocali Festa della Donna

Congratulazioni vocali nella Giornata internazionale della donna

Bacio a tutti voi, donne

Spring — tempo di calore e alla luce,

E ‘ora l’emozione nel sangue,

E lasciare che le mie parole di benvenuto

Sounding dichiarazioni d’amore.

E io non sono di meno zelo,

Senza eventuali sconti sulla malattia —

Bacio a tutti voi, donne,

Come combattere le loro fidanzate.

Tale disposizione per voi,

Dal momento che è chiaro, senza ornamenti —

Uomini nostra istituzione

Che sarebbe la pena senza di te?!

Senza l ‘»oro» senza il nostro «pesce

Dopo tutto, sono tutte sciocchezze! —

Senza il tuo sorriso solare

E un duro lavoro.

Fate bollire il caso nella libreria,

Funzioni finchasti.

E in ordine — in farmacia,

Dal momento che il potere delle donne lì.

In entrambi gli uomini — ci trick —

Voglio dire con certezza:

Le cose non sono così male,

Kohl è vicino alle donne.

E ancora una volta gridiamo a voi per un aiuto,

Ed è che i nostri vini

Che cosa abbiamo, troppo — «omuzhichim»

Quando «diventano effeminati» in pieno.

Ecco perché siamo così in fiamme,

Fuoco brucia sensuali,

E voi vive congratulazioni

Poesie patriottiche

Sono stato ferito otto di marzo,

In occasione della Giornata internazionale della donna.

Nella mappa campo tablet,

E senza alcun picco berretto di traverso.

Nel tentativo di attaccare all’alba,

Non ho dubbi,

Che le donne in tutto il mondo

Con amore che mi guardava.

Perdonami, caro Dio,

Ma io non lo sapevo allora,

Che nella città assediata

Stavo aspettando il mio destino.

Ho guidato un plotone di combattimento ubriaco

Giacca sbottonata al petto.

Il mare, sottomarini, oceani —

Tutto questo sarà di fronte.

Sulle riunioni molo e la separazione,

E la grazia del Mar Nero.

E i nostri figli, i nostri nipoti —

Share →