Si può recuperare da un attacco di emicrania?

Le persone con emicrania incontrato molto prima della nascita di Cristo. Conservati antichi papiri egiziani che descrivono l’emicrania e modi per combattere questa malattia.

Antico popolo preparati intrugli di erbe, pozioni e sono stati anche legati un giovane pelle di coccodrillo alla testa del paziente. Moderno — spendere milioni di dollari per la sintesi e la produzione di nuovi farmaci Protivomigrenoznoe. Così, qualche migliaio di anni di ricerche.

Che cosa hanno portato?

Le cause di emicrania

Solo negli anni ’90 del XX secolo divenne chiaro la natura di emicrania: una malattia ereditaria. E ‘stato scoperto diversi geni responsabili per la trasmissione ereditaria della malattia. Sfortunatamente, la medicina moderna non sa quanto tempo per curare le malattie genetiche. Anche se ci sono molto pochi quelli che hanno clonato con successo la pecora Dolly è assicurato.

Oggi possiamo dire con rammarico che l’emicrania – malattia incurabile. Tuttavia, l’emicrania non è una condanna: l’aspettativa di vita delle persone affette da questa malattia, non meno sano, la malattia provoca raramente gravi complicazioni.

Tendiamo disturbo?

La consolazione per la persona soffre di questa malattia, può servire «azienda» in cui è caduto. E ‘noto che molti personaggi di spicco hanno sofferto di attacchi di emicrania: Gaio Giulio Cesare, la regina Maria Tudor, Blaise Pascal, Carl Linnaeus, Lewis Carroll, Thomas Jefferson, Friedrich Nietzsche, Immanuel Kant, Edgar Allan Poe, Frederic Chopin, Karl Marx, Peter Tchaikovsky, Anton Chekhov, Sigmund Freud e molti altri.

Questo elenco non è sorprendente, perché la maggior parte delle persone soffrono di emicrania, la determinazione tipica, ambizione, la responsabilità e l’ansia. Alcuni addirittura pensano che queste persone mal di testa – una sorta di pagamento per il successo, che li aiuta nella vita. Tuttavia, questo ancora non significa che la presenza di attacchi di emicrania negli esseri umani è un segno di genio.

La percentuale di malattia tra la gente di talento e ordinaria della stessa.

Pericoli di emicrania

L’emicrania non è fatale, ma la qualità della vita può soffrire molto. Tutto può scatenare un attacco, anche quelle inerenti compagni della vita moderna, come un computer, la televisione, i trasporti (in particolare il trasporto aereo), discoteca, party fino al mattino, e anche un bicchiere di buon vino rosso. Di conseguenza, la malattia può diventare un rapporto di ostacolo con gli amici, la vita familiare e prevenire anche le pulizie.

La crescita e non stiamo parlando — testa probabilmente ricordare i giorni lavorativi persi da emicranie e aumentando ottenere qualcun altro.

L’emicrania è diverso dai soliti mal di testa. Praticamente persona sana improvvisamente comincia a sentire il mal di testa. la cui intensità è in rapida crescita, la natura del dolore lancinante, a volte viene confrontato con martello colpi alla testa.

Se il tempo non aiuta, poi attacco può durare ore o anche di più. Fa rinviare tutte le questioni di privacy, di andare a letto (preferibilmente in una tranquilla stanza buia), come la luce, i suoni, gli odori, la minima capacità fisica o intellettuale aumentare solo il dolore.

Il più sgradevole durante un attacco è la nausea, il vomito diventa spesso. Passare l’ora (e talvolta più giorni) e il dolore comincia ad attenuarsi. L’uomo torna a una vita normale, ma…Solo fino a quando il prossimo attacco.

Cosa fare?

Accettare e tollerare il dolore? La medicina non può curare completamente l’emicrania, ma per alleviare il dolore, per insegnare alla persona che ha ereditato una malattia, vivere una vita piena con l’emicrania – compito fattibile.

Prima di tutto, il paziente ha bisogno di vedere uno specialista. Le statistiche dimostrano che solo un sesto dei pazienti con emicrania chiese aiuto al medico. Tutti gli altri guidati dai consigli di amici, l’esperienza personale e di auto-medicare.

Nel corso degli anni, questo porta alla trasformazione del dolore cronico, l’abuso di analgesici e altre complicazioni associate con il trattamento di non qualificato (o mancanza).

In tutto il mondo, ci sono centri specializzati per il trattamento del mal di testa, composto da un team di specialisti. L’esperienza clinica dei medici e dei metodi speciali di ricerca neurofisiologiche del dolore aiuta le persone a scegliere il trattamento ottimale. Uno di questi centri oltre undici anni a Mosca.

Clinica Wayne non è solo medica, ma anche una istituzione scientifica, lavorando a stretto contatto con il Dipartimento di Malattie Nervose della Prima Moscow State Medical University, il personale della clinica costantemente condurre la ricerca scientifica, i cui risultati sono stati ripetutamente segnalati sulle conferenze russe e internazionali sulle problematiche di mal di testa.

L’esperienza del mondo per risolvere i problemi dei medici della clinica di cefalea sono costantemente in fase di studio. Migliaia di pazienti hanno già applicato alla clinica cefalea Accademico Alexander Wayne e continuare a condurre una vita piena attiva, imparare a controllare il mal di testa.

È necessario trattare un emicrania? Dopo l’attacco, prima o poi finirà per sé, ma per evitare che non è la medicina.

La questione è in discussione attiva tra gli scienziati. In caso di guasto i neuroni non trattati o di trattamento dei cambiamenti del sistema nervoso centrale, che si accumulano e le cellule di dolore iniziano a produrre i propri impulsi di dolore, e il dolore diventa cronico episodica. Quindi la risposta alla domanda «trattata o non trattata» unico – È necessario trattare ogni attacco e comincia il trattamento precoce, tanto più è efficace.

Per il trattamento dell’emicrania utilizzando una varietà medicamenti. Analgesici convenzionali sono di solito inefficaci, in modo da utilizzare i fondi speciali Protivomigrenoznoe. Questi farmaci nelle prime ore di alleviare il dolore, ridurre la sua nausea che accompagna, luce e phonophobia quasi il 70 per cento dei casi.

Velocità d’azione, efficacia e sicurezza – questi sono i criteri di base per tali farmaci.

Emicrania – malattia incurabile, ma un mezzo per la gestione del dolore esistono già.

Share →